Ragione e Sentimento | Jane Austen

ragione-e-sentimento-jane-austenDESCRIZIONE RAPIDA

TITOLO: Ragione e Sentimento
AUTORE: Jane Austen
GENERE: Romanzo
ANNO DI PUBBLICAZIONE: 1811

TRAMA

Il signor Dashwood e la sua seconda consorte hanno tre figlie, Elinor, Marianne e Margaret. Queste ultime, dopo la scomparsa paterna, vivono insieme alla madre una difficile condizione: John Dashwood, nato dal precedente matrimonio, ha ereditato la loro dimora…

ANALISI

pubblicato nel 1811, Ragione e Sentimento si colloca fra le opere più famose di Jane Austen. Essa è caratterizzata da un aspetto ben noto: i titoli richiamano le peculiarità, che differenziano ciascun personaggio. Se Elinor incarna la ragione, attraverso pacatezza, profonde riflessioni e brillante intelligenza, Marianne si lascia muovere dal sentimento, dalla passionalità.

Apparentemente discrepanti, entrambe le figure credono in se stesse, non sacrificano la propria personalità sotto i colpi delle convenzioni sociali, quantunque l’asse narrativo coinvolga proprio il matrimonio – ed il tentativo di contrarlo. Elinor osserva tali convenzioni, tuttavia esercita anche spirito critico; la passionalità riflette il proprio mordente su Marianne causa la giovane età. La malattia, che colpisce la fanciulla, allorquando John Willoughby se ne allontana, le sta togliendo la vita, ma, come per una epifania joyciana, le indicherà il sentiero verso la maturità.

Stilisticamente, Jane Austen ha chiari i suoi propositi: dipingere i personaggi, costruirli difronte al lettore; non lascia mai che agiscano senza seguire il destino loro riservato. Le pennellate descrittive di ampio respiro coinvolgono e contestualmente relegano al margine la dimora: essa spesso si fa palcoscenico della quotidianità, ma altrettanto se ne separa, trasformandosi in riparo ancestrale.

La narrazione si dimostra sapiente e consapevole, il linguaggio semplice, eppure curato fin nel più piccolo dettaglio – i dialoghi costruiscono la realtà, che i personaggi vivono.

COMMENTO

Indispensabile, qualora si voglia comprendere il grande e variegato universo letterario, cui Jane Austen fa capo.

CURIOSITà

L’opera è stata pubblicata, precedentemente, anche con i titoli Elinor e Marianne, Senno e Sensibilità, Sensibile amore, L’eterno contrasto.

Recensione a cura di Valeria Provenziani