Marti Stone: Bitches è il titolo del suo nuovo singolo


Marti Stone (1992) nata a Lanciano (CH) e residente a Milano, dal 2009 ha all’attivo 2 EPs, 1 album ufficiale, 2 album non ufficiali (mixtape) e molti singoli, tra cui l’ultimo “Bossy” che ha riscosso interesse e curiosità sul web.

Dopo anni di autoproduzione, appare su LaStampa e Studio Aperto in servizi sul rap under 21 e firma per La Grande Onda (label indipentente di Tommaso “Piotta” Zanello) con cui pubblica un album nel 2014, lasciando un anno dopo l’etichetta preferendo mandare avanti la sua carriera in modo indipendente.

Molti suoi singoli sono pubblicati in compilation come Hitmania e XX Hip-Hop M.E.I. I suoi temi e le sue particolarità stilistiche (multilinguismo o metriche non convenzionali) sono stati trattati nella tesi di laurea di una studentessa della Columbia University di New York (disponibile su www.martistone.com).

Grazie ai progetti pubblicati negli ultimi anni, Marti Stone ha ottenuto l’attenzione da parte delle maggiori testate giornalistiche musicali e non (da Rumore a Il Fatto Quotidiano) riuscendo così a portare la sua musica dal vivo in tutta Italia, creando man mano una fanbase in continua crescita, grazie alla sua versatilità e al suo modo di stare sul palco dato che il suo showcase si avvale della presenza di un DJ, talvolta di un batterista o di altri componenti in assetto acustico/elettronico.

A Marzo pubblica “Bossy” e supera le 40.000 views nei primi giorni, al singolo è seguito un EP con 3 remix ufficiali da Smoothies, Weshit e Pump The Noise.

Il nuovo singolo “Bitches” sarà disponibile dal 18 Aprile su YouTube e successivamente su tutti i migliori Digital Stores. Il video è stato girato da Thug Pug Production con la partecipazione di alcune ballerine della crew dancehall D-MADDEST e la stylist Silvia di Grazia.

Articolo a cura dell’Ufficio Stampa Andrea Sciré

Lascia un commento